Quarta domenica di Quaresima

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv, 4, 5-42) (forma breve)

In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita; sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe», che significa “Inviato”. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l’elemosina?». Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!».
Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri invece dicevano: «Come può un peccatore compiere segni di questo genere?». E c’era dissenso tra loro. Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «È un profeta!». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori.
Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui.

quarta_domenica“Và a lavarti nella piscina di Sìloe, che significa “Inviato”. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva”. Vediamo Gesù che, passando, vide un uomo cieco dalla nascita; sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: “Và a lavarti. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva”. Quel cieco sono io, è ognuno di noi. Con il Santo Battesimo abbiamo avuto il dono della Luce deìfica, quella di Gesù Cristo che è Luce del mondo. Per mezzo di Lui siamo stati creati con il fango della terra e anche dal soffio della sua bocca divina, dal suo respiro d’amore; e dalla sua Umanità crocifissa, siamo stati poi salvati e purificati dai nostri peccati, che ci avevano sporcato e accecato l’anima. E ora noi ci vediamo perché Egli ci ha lavati, con il Battesimo, nel suo Sangue. E, dato che ancora tante volte purtroppo ci sporchiamo nel peccato, Egli ci usa ancora Misericordia e non si stanca mai di purificare l’anima nostra; e ancora ci lava realmente e ci rinnova sempre più con il suo Sangue prezioso nel lavacro spirituale, tramite l’assoluzione sacramentale, ogni volta che ne abbiamo bisogno. Così i nostri occhi, ripuliti dal fango di questo mondo, dalla carnalità e dalle squame del peccato, riflettono sempre più e sempre meglio la Luce gioiosa di Dio e del suo Verbo fatto Carne. Ed è bello vedere, contemplare con occhi puri, e fissare lo sguardo sul suo Volto, sul Volto di Gesù Cristo Dio, che è davvero ?il più bello tra i figli degli uomini’. Manca poco alla Pasqua del Signore, e dobbiamo prepararci bene a questo grande Evento, a questo Mistero di Grazia e Misericordia; per questo San Paolo ci esorta: “Fratelli, un tempo eravate tenebra, ora siete luce nel Signore. Comportatevi perciò come figli della luce. Come? Ce lo dice lui stesso: il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità. Cercate di capire ciò che è gradito al Signore. Non partecipate alle opere delle tenebre, che non danno frutto, ma piuttosto condannatele apertamente. “Svegliati, tu che dormi, risorgi dai morti e Cristo ti illuminerà!” (Ef 5,8-14). Svegliati, svegliamoci, perché Pasqua è vicina!

(Fonte: Internet)

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *